Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Cinemacorsaro

Cinemacorsaro

Film, visioni e appunti di cinema


Camice misura

Pubblicato da vittorio.zenardi su 18 Gennaio 2015, 18:40pm

Camice misura

Camicie su misura

Il particolare più distintivo dello stile è sicuramente una bella camicia, meglio ancora se su misura. Nel dopoguerra questo fatale indumento si è ispirato alle divise militari, poi si è modellato in pieno candore sulle foto del giovane John Fitgerald Kennedy, per fasciare poi, striminzito e cortissimo i John Travolta di tutto il mondo negli anni ruggenti. Diventando negli anni emblema del comfort elegante ed evocativo. Le camicie su misura si distinguono soprattutto dalla stoffa, che può essere di cotone ritorto o cotone lavorato, di lino button-down o cotone Vichy slim fit e altro ancora. Alla base di una grande camicia su misura ci sono infatti i grandi tessuti italiani. In questo settore il Made in Italy la fa da padrone. Guardiamo ora le caratteristiche che distinguono le camicie su misura.

Camicie su misura anni ‘30
Le camicie su misura anni ‘30 presentano il collo rigido, inamidato, staccabile, in genere stondato. Le maniche cucite con una certa ampiezza in arricciature o pieghe, riprese al polso. Il polsino e doppio, chiuso con gemelli. Sul dietro, sfondo piega o cannoncino. Questo modello si addice all’uomo dandy.

Camicie su misura anni ‘50
Le camicie su misura anni ’50 presentano il collo a paramontura: senza listino sotto le vele a punta, tutto di un pezzo, si indossa sia aperto che chiuso con la cravatta. Le amniche sono asciutte, il polsino è stondato, il modello affusolato.

Camicie su misura anni ‘70

Le camicie su misura anni ’70 si caratterizzano dal collo che si allunga in due punte chiuse. Il giromanica è stretto, la manica senza piega. Il polsino è alto, i bottoni applicati sul cannoncino. Il modello è sciancrato con l’aggiunta del “fianchetto” sagomato. La lunghezza si accorcia.

Bottoni camicie su misura
Un altro capitolo a sé e la scelta dei bottoni, meglio se di madreperla australiana, altrimenti di trocas, conchiglie sminuzzate e pressate. Le dimensioni giuste: per il listino del collo diametro di 16 mm, spessore 2,2 mm, per la camicia diametro 16mm spessore 4 mm. Per lo smoking invece i bottoni sono smussati: diametro 18 mm, per lo sparato a piegoline; diametro 16 mm, a forma bombè per lo sparato in piquè nido d’ape.

Fra i dettagli cuciti a mano che fanno di una camicia su misura un autentico capolavoro vi è il carré ribattuto in modo invisibile, la spranghetta che rifinisce le cuciture sui lati, l’accuratezza degli occhielli, tagliati in verticale, (tranne quello sul collo) per garantire l’aplomb anche dopo un lauto pasto.

Le migliori botteghe di camiciai
A Milano le migliori camicie su misura le potrete trovare da Alessandro Siniscalchi, a Firenze da Forzieri a Roma presso Alberto Bricetti e Gorgone Charlot.

Anche la grandi griffe ultimamente si stanno concentrando sul fatto a mano, dagli italiani Armani, Gucci e Prada fino all'inglese Burberry.

Commenta il post

Archivi blog

Social networks

Post recenti